Fuga da Tschai di Jack Vance

Adam Reith lo spaziale. Jack Vance lo scrittore. Un’avventura racchiusa in quattro libri, un ciclo quello di Tschai capace di lasciare il segno in tutto e per tutto.

Jack Vance, considerato non per nulla l’acquarellista del romanzo di fantascienza è riuscito ad incantarmi ed a portarmi sul pianeta Tschai con lui.
Questi quattro volumi sono volati via in poche sere d’estate e si sono conclusi con la scoperta dell’ultima razza, la più antica su Tschai: i Pneume.
Adam Reith dovrà infatti esplorare e combattere ancora anche per un Amore che si rivelerà tale in un crescendo mozzafiato. Amore, avventura, psicologia e astuzia mescolati assieme renderanno il libro indimenticabile.
Un libro, ma forse di più un ciclo da leggere, gustare ed apprezzare, semplice e veloce quanto barocco e ricco di particolari. Ancora una volta mi piace la schiettezza e l’intelligenza di Adam Reith, capace di essere sempre propositivo e di non abbattersi “quasi” mai. La testardaggine e la voglia di ritornare a casa vinceranno su tutto e tutti.
Un grande romanzo di fantascienza, un ciclo veramente riuscito.

Grazie a jack Vance. Prima non ti conoscevo, ma ora che mi sono calato nella parte leggerò prossimamente anche: “i Principi Demoni”.

Vance
Jack Vance

I tesori di Tschai di Jack Vance

Continua l’avventura di Adam Reith sul pianeta Tschai, questa volta esplorando e conoscendo amaramente la terza razza del pianeta, ovvero i Dirdir ed i Sub-Dirdir a fare da servi e cacciagione. Titolo inglese del libro: The Dirdir.

Sempre più maturo nella scrittura, Jack Vance ancora una volta ci porta nel sistema solare di Carina 4269, distante 200 anni luce dal pianeta Terra. La storia prosegue linearmente accompagnando Adam Reith alla ricerca dei pezzi per costruire una nuova astronave al fine di rientrare sulla Terra sano e salvo, come unico superstite della squadra di ricognitori mandata in aiuto al segnale ricevuto. Accompagnato ancora dai suoi fedeli amici conosciuti su Tschai, Anacho il Sub-Dirdir rinnegato e Traz il nomade dell’Onmale, dovrà combattere, lottare, scappare, evadere con fine intelligenza attraverso tutte le insidie che gli capiteranno. Nell’affrontare le avversità sarete calati direttamente su Tschai in un crescendo costante di apprensione per i personaggi. Il finale insolito garantisce un’innesto al quarto ed ultimo libro.

Se non avete mai letto nulla di Jack Vance beh… è ora di iniziare.

Vance
Jack Vance