Il palazzo dell’Amore di Jack Vance

Il Ciclo dei Principi Demoni
3° –  Il palazzo dell’Amore di Jack Vance (1973)

ucl297

“Il palazzo dell’Amore” di Jack Vance è il terzo capitolo del ciclo dei Principi Demoni. Scritto nel lontano 1973 agli albori della tecnologia, questo libro ci riporta sulla Terra, alla ricerca di Viole Falushe, uno dei 3 Principi Demoni ancora in vita, da eliminare. Molto diverso rispetto ai primi due romanzi della saga, riesce a restituire una migliore prosa narrativa capace di un impianto scenografico notevole e capace sopratutto di portare il lettore all’interno dello scenario e del dramma. Come al solito i personaggi vengono ben sviluppati, la trama è molto lineare e senza grandi colpi di scena ma al tempo stesso, bella ed intrigante. Dal mio punto di vista e rispetto agli altri due precedenti capitoli, questo mi ha fatto sognare un po’ meno. Il ritorno sulla Terra per un lungo periodo, mi ha fatto perdere un po’ quel senso di “fantascienza”. Faticavo a dargli una connotazione futuristica essendovi molti elementi conosciuti e meno futuribili. Rimane il fatto che la costruzione del palazzo dell’Amore con le sue regole, le sue goliardie e le sue pazzie, sono veramente uno spettacolo: entrare nel palazzo vi lascerà esterefatti.

Ce la farà questa volta il nostro eroe Kirth Gersen nel suo intento? Andrà come al solito a braccetto della sua fraterna amica vendetta? Prendete coraggio e spostatevi nell’Oukimene. Vita, morte, amore e pazzia, si legheranno stretti in un romanzo attuale e sconcertante ai limiti della pazzia umana. Un grande scrittore per un altro grande racconto.

Lo raccomando a chi impazzisce per la fantascienza. Ne rimarrà colpito.
La recensione del primo capitolo la trovate qui.
La recensione del secondo capitolo la trovate qui.

Vance
Jack Vance

Annunci

Il Re Stellare di Jack Vance

Il Ciclo dei Principi Demoni
1° – Il Re Stellare di Jack Vance

“Il Re Stellare” è il primo di cinque libri del “Ciclo dei Principi Demoni” di Jack Vance.
Il ciclo è stato scritto tra il 1964 ed il 1981 e narra le vicende di Kirth Gersen in un futuro in cui l’umanità ha conquistato gran parte della nostra Galassia denominata Oikumene.
Vendetta, è questo a fare da colonna portante al ciclo, portando Gersen a vendicare l’uccisione dell’intera famiglia a causa dei Principi Demoni.

Ne “Il Re Stellare”, Jack Vance come tutti gli autori di fantascienza dei primi anni ’60 parte lento e prolisso per poi dipanare poco a poco la storia, ed in definitiva lanciarla. Il ritmo prima statico, poi blando prende a salire dopo il primo quarto.
Con grande maestria l’acquerellista della fantascienza, ci dona ambientazioni stupende e una storia veritiera. Già negli anni ’60 riusciva a parlare di esopianeti e di aspetti relativi alle masse, velocità, gravità che solo oggi riusciamo a rendere nostri.
Troviamo quindi un grande Jack Vance in un ciclo che mi aspetto, in crescendo.Ora parto con il secondo: “La macchina per uccidere” scritto anch’esso, nel 1964.

Vance
Jack Vance